BROCHURE PARADE

DESIGN BOOK

Sulle tracce del successo del primo volume, in questa seconda edizione di “Brochure Parade”, vengono esplorati e celebrati il talento italiano nell’esporre la creatività di immagining e la fantasia di creare “storie” e “ambientazioni”.
Le brochures selezionate sono state scelte fra le numerose che l’editore Happy Book ha ricevuto con l’obiettivo di raccogliere in una sola e sempre originale pubblicazione, rinnovata nella sua grafica.
art-bit design&c., con 5 lavori di diversi clienti:
“budweiser”
“il vecchio carcere”
“andrea sampaolo”
“silvana de stefano”
“gauguin cafè”
è stata selezionata e inserita nella raccolta della seconda serie di “Brochure Parade” anno 2009.

Il racconto che si svolge in questo libro, si snoda lungo i percorsi più diversi ed articolati, e spazia dalla moda al food, dalla cultura alla tecnologia, dal design al tempo libero e al turismo, che si incrociano e si confrontano tra di loro in una miscellanea di scomparti che alla fine si trasformano in un campo aperto dove si ricongiungono a soddisfare tutte le risposte che cerchiamo.
Nell’ottica di individuare la strada più adatta al conseguimento di questo risultato e nell’intento di mantenere una veste di continuità con il volume precedente, abbiamo voluto offrire una ricchissima vetrina dei migliori lavori realizzati in Italia, raccogliendoli in una pubblicazione rinnovata nella presentazione grafica ma fedele al suo stile originale. Questo libro vuole essere un omaggio al talento e alla creatività tutta italiana di saper coniugare l’incontro perfetto tra estetica e anima del prodotto, e di saper identificare la combinazione strategica che ne determina il successo commerciale.

Questa seconda pubblicazione della serie “Brochure Parade” segue la scia di un fortunato filo conduttore a cui abbiamo dato inizio nel 2006.
Il soggetto è ancora e sempre lei, la brochure. Perché sempre? Perché non passa mai di moda, è sempre attuale, non ripete mai se stessa, ma ogni volta si propone in modo diverso. Tutti ne abbiamo viste tante, ovunque e per ogni occasione. Molte ci hanno attratto, alcune incuriosito, altre divertito, altre ancora leggermente annoiato. Ma la brochure ha una fortuna particolare: può dire, e far fare, tutto ciò che vuole. Anche se non la cerchiamo, si fa comunque trovare. Sa di esserci necessaria, e in fondo lo sappiamo anche noi. Perché il suo potere, è simile a quello di un “persuasore occulto”. Lungo le sue pagine, ci racconta tante storie. Ma è davvero lei che si racconta, o siamo noi che ci “raccontiamo”? Ci seduce e ci spinge, a volte mascherandosi, a volte svelandosi, a porci delle domande: che cosa stiamo cercando, che cosa ci “serve”?
Cominciamo ad accorgersi che ogni suo dettaglio, grafico, stilistico, cromatico, è sapientemente studiato per dare corpo a un immagine che abbiamo già, seppur ancora indefinita, nella nostra mente. Cerchiamo tutti un oggetto, un prodotto, un “input” ideale… e vogliamo sapere dove trovarlo.

Leave a Comment

Error: Please check your entries!
Back To Top